Sex and The City

Un film di Michael Patrick King 
con Sarah Jessica Parker, Kim Cattrall, Kristin Davis, Cynthia Nixon, Chris Noth, Candice Bergen, Jennifer Hudson, David Eigenberg, Evan Handler, Jason Lewis, Mario Cantone.
Genere Commedia
Produzione USA, 2008
Durata 140 minuti circa.


Una delle più cinematografiche serie televisive degli ultimi anni, è approdata al cinema.
Chi già conosce la serie sa che per location e spessore di sceneggiature esexandcity personaggi, la serie non temeva confronti con il cinema. La serie, prodotta dalla HBO dal 1998 al 2004 fu una delle prime serie del genere "chick lit". Lespressione inglese chick lit si riferisce a un genere letterario emerso negli anni 90 e rappresentato da scrittrici soprattutto britanniche e statunitensi, che si rivolgono prevalentemente a un pubblico di donne giovani, single e in carriera. A questo genere appartengono numerosi best seller internazionali dellultimo ventennio. Come il romanzo di Candace Bushnell che ha ispirato la serie, della quale il film è la prosecuzione. Il film riprende, quattro anni dopo il termine della serie la serie, le vicende delle  protagoniste. La pellicola si libera del suo debito nei confronti della serie abbastanza presto, già durante i titoli di testa riesce nellimpresa di dare il minimo delle informazioni necessarie sui personaggi. Giusto per non lasciare senza informazioni il pubblico che non lavesse vista. Dopodichè le vicende del film cominciano a vivere di vita propria. I riferimenti a fatti e situazioni del telefilm sono veramente assolutamente circoscritti a quanto raccontato allinizio. Io non ho visto tutti gli episodi della serie, anzi penso di averne visti un decimo, ma ho seguito il film tranquillamente. Essendo già la serie originale molto cinematografica, ladattamento è stato quasi senza sforzo. Cè qualche location estera ed esterna in più. Anche scenografie e costumi erano molti curati nel telefilm, anzi, hanno influenzato anche parte dellestetica cinematografica delle commedie americane odierne, per cui nulla da eccepire anche su questo fronte. La trama allinizio non sembra decollare, attorcigliata intorno alla presentazione degli aspetti più "glamour", poi però quando si concentra sui personaggi ritrova il vecchio smalto, e dipana un intreccio assolutamente godibile. La durata supera  le due ore, senza che ci sia la sensazione di assistere a un telefilm inutilmente allungato.
Gli interpreti ormai sono rodati nei loro ruoli e non sbagliano praticamente nulla. Chi era bravo nel serial, si rivela tale anche nel film,  come chi era inespressivo, come il catatonico Chris Noth, alias Mr. Big.
Il risultato finale è un degno epilogo alla serie, pur tuttavia fruibile a sé stante. La sensazione finale è che la vicenda sia arrivata al capolinea. Se compito della serie era raccontare delle vita delle singles tra i trenta e i quarantanni,  ora che tutte hanno abbondamente superato la quarantina, e che non sono più singles, non vedo cosa ci sia daltro da raccontare. Se qualcosa verrà detto su questi personaggi, sarà meglio non chiamarlo "Sex And The City", perchè sarebbe altra cosa.
Cataloghiamo telefilm e film tra le buone narrazioni e godiamoci altre storie.

» Eman [...]">Tweet