di Neil Gaiman e John Romita Jr.


Neil Gaiman è uno dei cantori degli dei moderni. O di quelle entità che,eterni agli occhi di chi non le comprende, divine appaiono. Il suo approccio a queste tematiche è sempre stato molto pragmatico. Sin dai tempi di Sandman, passando per American Gods, Gaiman ha sempre mostrato il lato “umano” del divino. Questa miniserie non fa eccezione. Essa riprende i personaggi inventati negli anni 70 da Jack Kirby. Un autore storico del fumetto americano. Autore e disegnatore senza eguali, ispiratore di generazioni di cartoonist. Non cè praticamente super eroe che non sia passato sotto le sue matite. Sicuramente i suoi capolavori sono stati il Cap America degli anni della guerra, con testi di Joe Simon e lepopea cosmica dei Fantastici Quattro, assieme a Stan Lee. Kirby era coautore. Le sue tavole rompevano tutti gli schemi del fumetto conosciuti fino a quel momento. Dopo vari dissidi lavorò con la DC Comics, per poi tornare, nei primi anni 70 alla Marvel. In quellultimo e fertile periodo lavorò su una serie di fumetti ispirati a "2001 Odissea nello spazio" e ideò “Gli Eterni”.
Gli Eterni sono la versione Kyrbiana del Pantheon Greco. Infatti gli Eterni risiedono sul monte Olimpo e hanno nomi che echeggiano quelli dei miti Greci. Entità dai poteri semi divini, e dalla lunga vita, percepiti come immortali dai normali essere umani, in realtà sono prodotto della manipolazione genetica delle scimmie primordiali da parte di una razza aliena chiamata i Celestiali. Le origini e una spiegazione aggiornata dello scopo dellesistenza degli Eterni è oggetto della trama della miniserie, per cui non posso andare oltre. Posso dirvi che a contrapporsi agli Eterni cè unaltra razza “i devianti”, anchessa prodotto dellingegneria genetica dei Celestiali. Gli Eterni sono parte integrante delluniverso Marvel, e con i super eroi di questo universo hanno sempre interagito. Qui li vediamo parecchio in disarmo, confusi con lumanità, dimentichi della loro origine. Un quadro del tutto simile a quello di American Gods. In più Gaiman inserisce i personaggi nel pieno della guerra Civile che vede i super eroi contrapposti in due fazioni. Loperazione è quindi dautore, ma non dimentica degli stilemi della serialità. La miniserie risponde a molti interrogativi, ma apre anche enormi orizzonti a sviluppi futuri, come una serie o altre miniserie. Un succoso antipasto a mio giudizio. Spero che gli ottimi spunti non si annacquino. Cosa capitata con la miniserie 1602, i cui seguiti non sono stati allaltezza dellottima miniserie di Gaiman. Oltre alle buone idee la miniserie ha ottimi dialoghi, e strepitosi disegni. John Romita Jr. è sicuramente allaltezza della cosmica immaginazione del maestro Kirby. Da leggere.


Neil Gaiman e John Romita Jr.
100% Marvel. Gli Eterni n. 1 - Panini Comics 2007 - ISBN: 978883437182

» Emanuele M [...]">Tweet