Emanuele Manco

Scritti, impressioni, opinioni.

Google Play Store sul Kindle Fire 7 2015

Non sono mai stato un fan della "filosofia Kindle" di Amazon, per la quale gli acquirenti dei libri sono in realtà possessori di una licenza temporanea, per la quale i propri acquisti possono sparire dal cloud in virtù di cambiamenti contrattuali.

La possibilità è dovuta al fatto che nelle condizioni contrattuali si parla di "diritto non esclusivo di vedere, usare e visualizzare tale Contenuto Kindle per un illimitato numero di volte" e di conseguenza di "licenza d'uso", non di proprietà del file.

Tra l'altro molti si chiedono cosa accadrebbe delle loro librerie qualora Amazon chiudesse. Certo per ora la possibilità è abbastanza remota. Non so, non mi dilungo oltre, perché se no ci ripenso...

Il fatto è che a ben 39,99€, il Kindle Fire 7 nell'edizione 2015, ossia la V generazione, mi ha attratto come una falena. Il prezzo originale è 59,99€, ma dopo aver installato, come utente di Amazon Prime, l'app Prime Now, mi sono stati offerti 20€ di sconto sul primo ordine, dei quali ho approfittato per questo tablet che mi faceva gola.

Credo, e accetto qualsiasi smentita, che anche a 59,99 sia venduto molto sottocosto. A una specie di premiazione avevo vinto un tablet I-INN che ho scoperto costare più di  100€, con il quale non ho mai avuto un buon rapporto. Lento e completamente bacato, senza Google Play Store  e senza riuscire a installarlo in modo stabile, ho rapidamente smesso di usarlo, senza rimpianti. Uno dei miei ultimi tentativi di installare un firmware decente lo ha "bricckato" e non ho voglia per ora di perderci tempo.

Il Kindle Fire 7 2015 funziona. Punto.

Con il software di base leggo i libri acquistati su Amazon, navigo in rete, leggo la posta, guardo filmati su Yotube e film e telefilm su vari servizi online come Netflix o Infinity.

Ma qualcosa mi mancava. Ossia la possibilità di usare alcune app non disponibili sullo Store di Amazon. Per esempio quella dei fumetti Marvel, nel mio caso specifico, ma disponibili su Play Store.

Scottato dall'esperienza con l'I-INN temevo procedure lunghe e traumatiche per tentare di installare Google Play Store, e magari anche qualche fallimento.

Invece grazie a qualche ricerca su Google ho trovato quest'articolo sul forum Xda-Developers del quale vi vado a riassumere gli step che mi hanno portato ad avere al primo tentativo tutto il Google Framework e quindi anche Play Store. Il tutto su un PC Windows, vi devo avvisare.

Impostazioni del Kindle Fire

Attivare le Opzioni sviluppatore: premendo l'icona Impostazioni, e poi la voce Opzioni del dispositivo, e infine premendo il numero di serie più volte (non ricordo quante) finché non appare la voce Opzioni Sviluppatore, proprio sotto il seriale.

Abilitare il debug in modalità ADB: dalle Opzioni Sviluppatore cliccare sullo switch Abilita Adb.

Questi passaggi li ho riassunti nelle immagini di seguito. Mi perdonerete se ho offuscato il mio numero seriale. 🙂

Installazione driver Kindle

Il passaggio successivo è stato scaricare e installe i driver per Kindle Fire, ossia il file kindle_fire_usb_driver.zip che ho trovato in questa pagina di Amazon.

 

Tutto in un solo batch

Tutti i passi successivi sono stati sintetizzati dall'utente di XDA-Developers Tomsgt  ha creato un file zip contenente tutto quello che serve e un semplice batch che in pochi minuti consente non solo di installare Google Play in automatico, ma promette anche di rimuovere la pubblicità. Il file da scaricare da questa pagina si chiama Amazon-Fire-5th-Gen-Install-Play-Store.zip.

I passi successivi sono

  1. Decomprimere il file.
  2. Collegare il Kindle mediante USB al PC.
  3. Entrare nella cartella Amazon-Fire-5th-Gen-Install-Play-Store e avviare il batch 1-Install-Play-Store.bat.
  4. Selezionare l'opzione 2 come da immagine seguente. Opzione 2 di 1-Install-Play-Store.bat
  5. Attendere al massimo 10 minuti che il programma abbia terminato.
  6. Spegnere e riaccendere il Kindle. Se tutto è andato bene, avrete le icone di Google. Nel mio caso non ha funzionato la rimozione della pubblicità di Amazon.

Se lo ritenete opportuno c'è anche un video che mostra i passaggi.

Buon divertimento!

 

 

 

 

Previous

Doctor Who: new series prologue

Next

Ricordando Tecla Dozio

2 Comments

  1. resta il fatto che amazon ti condiziona pesantemente, e condiziona pesantemente tutta l'editoria. un venditore (categoria che cmq è da appendere per le appendici, a prescindere) che mi strozza con le sue offerte e non mi permette di consultare sull'oggetto che ho acquistato da lui null'altro che i suoi prodotti, mi ispira antipatia a pelle, senza se e senza ma: decido io cosa vedere, dove vederlo, quando vederlo, e il formato che consulto dev'essere libero, non condizionato dagli umori del venditore presso cui ho acquistato 🙂

    ciò dev'essere soprattutto vero quando parliamo di software, perché il sw condiziona totalmente la nostra vita. corollario, e qui la pianto col mio lamento 🙂 su internet (anche lì, soprattutto lì) nessuno regala nulla, la trappola dei 40€ scarsi di lettore ebook e quant'altro la si paga cruentemente con la privazione dei propri diritti...

    grazie per lo spazio concesso, sorry per lo sfogo 🙂

    • Ti confesso che condivido queste preoccupazioni. Proprio per questo ho "liberato" il mio tablet consentendomi di andare oltre l'ecosistema Amazon.

Comments are closed.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén