Scritti, impressioni, opinioni.

Categoria: fantascienza Pagina 3 di 11

Dieci consigli per scrivere fantascienza arriva in cartaceo ed epub

Quando qualche mese fa usci il mio saggio Dieci consigli per scrivere fantascienza, nell'anomalo standard PDF, le principali e legittime osservazioni furono:
1) Perché solo in PDF?
2) Perché non cartaceo?

Alla domanda 1) posso rispondere che da qualche giorno chi ordina l'ebook riceve un epub, quindi un vero e proprio ebook.

Alla domanda 2) rispondo che da oggi è disponibile sul sito anche la versione cartacea del volume.

Chi mi conosce sa che leggo tanto in elettronico quanto in cartaceo. Non rimpiango l'"odore della carta", ma allo stesso tempo non ritengo che l'elettronico sia la panacea di tutti i mali.

Insomma, molto pragmaticamente, ritengo che sia giusto avere entrambe le versioni.

10 consigli per scrivere fantascienza

10 consigli per scrivere fantascienza

D'altra parte il cartaceo consente di avere dei riscontri immediati. Dall'esperienza diretta con precedenti presentazioni di opere in ebook ho imparato che con l'elettronico una percentuale molto piccola di lettori conferma poi la sua intenzione di acquistare il libro. Sono intenzioni da intercettare sul momento, la disponibilità immediata del cartaceo consente di farlo, l'ebook no, a meno di non trovare un modo di farlo acquistare subito.

D'altra parte la cosa bella di acquistare un libro alle presentazioni, per gli appassionati, è la copia firmata dall'autore.

Eh sì, perché non vi nascondo che i libri che scrivo vorrei anche venderli, non ci trovo nulla di male in questo.

Per cui adesso non ci sono più scuse.

Se la vostra obiezione era "non c'è il cartaceo", potete acquistarlo a questo link o alle presentazioni che terrò più avanti.

Se la vostra obiezione era "non c'è l'epub", vi confermo che quello che trovate a questo link non è un pdf, ma un vero ebook.

Se proprio il volume non vi interessa, me ne farò una ragione intendiamoci, ma dovrete trovare altre scuse, o dirmi che proprio non vi interessa, o non dirmi nulla, visto che siamo nel libero mercato ed è vostro diritto decidere cosa vi interessa e cosa no.

Da parte mia posso dirvi che il mio saggio non è solo un prontuario per scrittori, ma un vero e proprio compendio di cosa per me sia la fantascienza. Quindi è un testo di critica, un saggio più articolato di un manuale.

 

Mirror Mirror

Mirror Mirror a Bookcity Milano

Quest'anno sarò a Mirror Mirror, polo tematico dell'edizione 2018 di Bookcity Milano, la manifestazione che da qualche anno anima l'autunno librario del capoluogo lombardo. Quest'anno si terrà dal 15 al 18 novembre.

Mirror Mirror è una serie di eventi esplicitamente dedicati al fantastico.

Sono stato coinvolto, senza tra l'altro che dovesse insistere molto, da Mariana Winch, libraia del Covo della Ladra, in Via Scutari – angolo Via Prinetti.

Darò il mio contributo a due eventi:

Alle 16.30 di venerdì 16 novembre, con Flora Staglianò, terrò alla libreria Covo della Ladra, un incontro dal titolo Osservatori Osservati: Tradurre ed adattare la fantascienza.  Parleremo di cosa differenzia la traduzione di fantascienza rispetto ad altre forme di narrativa.

Alle 16.30 di domenica 18 novembre, a Cascina Turro, Piazzale Governo Provvisorio, 9, parteciperò a un incontro chiamato Il gatto di Schrödinger, nel quadro dei Café Scientifique. Si tratta di incontri dedicati ai collegamenti tra scienza e fantastico, con scrittori e scienziati. A quello di domenica parteciperanno Fernando Palombo (fisico), Patrizia Caraveo (astrofisica), Stefano Sandrelli dell'Osservatorio di Brera, Piero Schiavo Campo (fisico e scrittore). Modera Armando Toscano, responsabile scientifico di Mirror Mirror.

Gli altri eventi

Senza voler essere esauriente e senza voler fare un torto a nessuno, vi segnalo che agli eventi previsti in quei tre giorni parteciperà gente interessante. Cito in ordine sparso l'autore cinese Chen Qiufan, Francesco Verso, Nicoletta Vallorani, Gianni La Corte, Clelia Farris, Edoardo Stoppacciaro, Francesca Caldiani, Alessio Del Debbio, Luca Tarenzi, l'autore fantasy Pierre Bordage, tra i tanti.

E poi ancora laboratori per ragazzi a tema potteriano e letture teatrali serali. Il programma completo lo trovate sul sito ufficiale. In tre giorni di cose da seguire ce ne sono per tutti i gusti.

Tutti i dettagli sui miei eventi li trovate ai seguenti link:

Osservatori Osservati: Tradurre ed adattare la fantascienza

Il gatto di Schrödinger

Ci vediamo lì?

Franco Ricciardiello, Giulia Abbate, Emanuele Manco

La didattica della fantascienza, il mio intervento a Stranimondi 2018

Quello che trovate in questa pagina è il mio intervento al panel Didattica della fantascienza, tenutosi a Stranimondi 2018, al quale ho partecipato con Franco Ricciardiello e Giulia Abbate.

Ho deciso di non trascriverlo, non solo per estrema pigrizia. Ci ho pensato e mi sono riascoltato per un po'. Non avevo preparato il discorso in senso stretto, come spesso faccio imposto le idee, prendo degli appunti e poi inizio sulla base del percorso mentale. Ho maturato la convinzione che quello che ne è risultato non renderebbe in forma scritta. Pertanto, pur con tutti gli inciampi, gli errori e le ruzzolate che ho fatto, ritengo più pertinente pubblicare il file audio, in modo che una mia eventuale trascrizione non ne alteri il senso.

Se voleste approfondire cosa penso della scrittura della fantascienza, vi ricordo Dieci consigli per scrivere fantascienza, edito da Il Gattaccio.

A questo link trovate la prima parte, di Franco Ricciardiello, in forma scritta.

 

dieci consigli per scrivere fantascienza

Dieci consigli per scrivere fantascienza

È disponibile sul sito di Edizioni Il Gattaccio il mio nuovo saggio, Dieci consigli per scrivere fantascienza.

Si tratta del primo volume di una collana di "Dieci consigli per scrivere..." dedicata alla scrittura, curata da Marina Lenti. I prossimi non saranno scritti da me che ho avuto invece il compito di fare da apripista.

È un lavoro "su commissione", ossia non parte da una iniziativa del sottoscritto, ma ho accettato di buon grado di scriverlo, anche per provarmi sulla lunga distanza.

Sul sito dell'editore troverete alcuni estratti che spiegano quale sia stato il mio approccio, nonché il pulsante per acquistarlo.

Rispetto a quanto scritto lì aggiungo l'indice, che è lo scheletro sul quale ho costruito i miei ragionamenti.

  1. Sospendere l’incredulità; il sense of wonder
  2. Pensare in fantascienza
  3. Costruire la tua fantascienza
  4. Creare il tuo mondo
  5. Costruire le storie
  6. Ideare i personaggi
  7. Superare la paura dell’infodump
  8. Come dare coerenza all’insieme
  9. Decidere cosa scrivere: racconto o romanzo?
  10. Leggere fantascienza

In Dieci consigli per scrivere fantascienza troverete anche pensieri sparsi in vari articoli negli anni su cosa sia per me la narrazione, e quella fantastica  in particolare, con un approfondimento sulla fantascienza. Chi mi conosce sa che non amo molto gli steccati tra generi, pertanto nel saggio attingo a esempi di buona letteratura a prescindere da una collocazione. Esempi di buona lettura che possono ispirare per la scrittura.

Vi auguro buona lettura e mi auspico che possa aiutarvi per la scrittura ovviamente.

Star Wars: Gli Ultimi Jedi, le tre legi

Le tre leggi di Douglas Adams applicate ai prodotti dell'immaginazione

Tempo fa ho ricordato le tre leggi fondamentali della percezione del progresso di Douglas Adams. Oggi ritengo che si possano formulare anche in questa versione applicata a film, fumetti, serie tv, giochi, videogiochi e in generale ai prodotti dell'immaginazione.
1. Tutto quello che è stato prodotto prima della tua nascita è dato per scontato ed entrerà gradualmente nel tuo immaginario nel corso della tua esistenza;
2. Tutto quello che viene prodotto tra la tua nascita e i tuoi trent’anni è incredibilmente eccitante e creativo e costituisce la base del tuo immaginario per il resto della vita;
3. Tutto quello che viene prodotto dopo i tuoi trent’anni è un’offesa all’ordine naturale delle cose, è l’inizio della fine della civiltà e solo dopo almeno dieci anni comincia a essere considerato accettabile. Eccezione per sequel, prequel e reboot dei prodotti realizzati nei primi trent'anni della tua vita che vanno odiati a prescindere prima ancora di averli visti.

Pagina 3 di 11

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén